Musica in streaming: i ricavi battono quelli delle vendite dei CD Smalls14
Chi è online?
In totale c'è 1 utente online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

Guarda la lista completa

Statistiche
Abbiamo 610 membri registratiL'ultimo utente registrato è enrico maggiI nostri utenti hanno pubblicato un totale di 5788 messaggiin 601 argomenti
Migliori postatori
1208 Messaggi - 35%
660 Messaggi - 19%
294 Messaggi - 8%
270 Messaggi - 8%
257 Messaggi - 7%
250 Messaggi - 7%
200 Messaggi - 6%
184 Messaggi - 5%
84 Messaggi - 2%
83 Messaggi - 2%

Condividi
Andare in basso
Caleb
Caleb
Amministratore
Amministratore
Data d'iscrizione : 13.11.13
Località : Roma
Impianto : HTPC, JLSounds I2SoverUSB con oscillatori FOX, DAC Doppio AK4495SEQ, EamLab 302/Adcom GFA 555, Focal Aria 906, Grado 325i, Sennheiser HD600
http://www.hifi4all.ithttps://www.facebook.com/hifi4all.it

Musica in streaming: i ricavi battono quelli delle vendite dei CD Empty Musica in streaming: i ricavi battono quelli delle vendite dei CD

il Lun 11 Mag - 22:20
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


Prima o poi doveva accadere, la strada era segnata. Ed è accaduto. Secondo la RIAA nel 2014 i ricavi dalla musica in streaming hanno superato quelli dalla vendita di CD.
Come riportato da Repubblica.it il 22 marzo, la Recording Industry Association of America (RIAA) ha pubblicato il rapporto 2014, da cui si evince che negli Usa gli abbonamenti di musica in streaming hanno generato 1,87 miliardi di dollari contro 1,85 miliardi di dollari ricavati dalla vendita dei CD.
CDsalesprojection
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Le previsioni delle vendite dei CD. Fonte: learnawesome.com

Per non parlare dei download digitali. Nonostante un calo dell’8,7% di iTunes, la fetta di MP3 legalmente scaricati (e in minima parte di FLAC e file ad alta risoluzione) ammonta a 2,6 miliardi di dollari.
itunes-spotify
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Circa lo streaming musicale la parte del leone la fanno Spotify, Beats Music e Pandora, ma ricavi significativi arrivano anche dalla pubblicità inserita su Vevo e YouTube, servizi che ormai dai giovanissimi sono usati come una moderna forma di radio (!!!).
Streaming +29% e CD –13%: queste le fredde ma inequivocabili percentuali di un fenomeno con cui anche gli audiofili ben presto dovranno fare i conti.
Ben vengano, dal nostro punto di vista, servizi come Tidal, che garantiscono uno streaming a qualità HiFi; ma allo stesso tempo forti sono le preoccupazioni per l’annosa questione del digital divide. Come si potranno sviluppare servizi di questo genere in Italia quando la band larga (veramente larga) è un miraggio e un’utopia appena si esce dalle grandi città? E che pensare dello streaming HiFi legato a specifici hardware (come Deezer con Sonos)? Sono scelte commerciali, ovvio, ma che riteniamo pericolose.
Ma ci sono anche altri spunti di riflessione. Sembra proprio che alla maggior parte dei consumatori crearsi una collezione musicale (fisica o digitale) non interessi più, preferendo i servizi cloud based. Di sicuro per questo aspetto vanno ad incidere diversi fattori, dalla comodità d’uso della “nuvola” alle case sempre più piccole in cui andiamo ad abitare.
Ma ci sarà modo di riparlarne. Questo è solo l’inizio. Volenti o nolenti.

______________
Alessandro
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum